Italy

Milan, Rome, Bologna
Bip Stories

Francesco Castellone

Consultant

#Ambition #Loyalty #Wakeboard

visualizza il profilo su Linked In

Francesco Castellone, in Bip da poco più di due anni, ha già cambiato quattro progetti. La soddisfazione più grande? La vincita del Talent Program, che gli ha permesso di frequentare un corso di formazione all'estero.
 
Qual è stata la difficoltà più grande che hai affrontato e superato da quando sei in Bip?
Credo che la difficoltà più grande di questo mestiere, soprattutto a inizio carriera, sia riuscire a fare riconoscere il proprio valore davanti ai clienti. Ogni azienda, infatti, ha una sua storia e struttura particolare, che bisogna imparare a conoscere velocemente. L’altra faccia della medaglia è la grande soddisfazione personale e professionale che si ottiene al momento della conquista della fiducia.
 
Cosa ti piace di più della tua vita professionale e della tua esperienza in Bip?
Da quando sono in Bip, poco più di due anni, ho cambiato quattro progetti, con relativi team, clienti e settori di riferimento. Ho potuto così applicare rapidamente sul campo quanto appreso durante gli studi, con un processo di apprendimento e crescita continua. Il cambio del team di lavoro, in particolare, mi ha permesso di vedere diversi approcci con cui è possibile affrontare determinate situazioni professionali.
La soddisfazione più grande da quando sono in Bip l’ho raggiunta l’anno scorso, quando - nonostante fossi ancora molto junior - sono stato segnalato dal mio manager di riferimento per il Talent Program, che mi ha dato l’opportunità, dopo avere superato un iter di selezione, di frequentare un corso al Massachusetts Institute of Technology. Un’esperienza molto stimolante, che mi ha permesso di confrontarmi con CEO e CFO provenienti da tutto il mondo, dall’India al Giappone e agli Usa.
 
Cosa sogni per il tuo futuro professionale?
Vorrei sicuramente continuare a lavorare nel settore della consulenza, perché apprezzo la velocità di carriera ed esperienza che caratterizza questo mestiere, crescendo e imparando sempre di più, focalizzandomi sul rapporto con i clienti ai livelli più alti e sulla gestione di risorse.
 
Chi sei fuori dall’ufficio?
Oltre a viaggiare, ho due grandi passioni: la moto, che uso appena posso, e il wakeboard. Uno sport che ho iniziato a seguire in Sardegna, dove sono cresciuto, e che pratico ormai da oltre quindici anni.
Other stories