Italy

Milan, Rome, Bologna
Inside Bip

15/06/2016

Bip inaugura un ciclo di incontri per tracciare l’anatomia del leader

Il primo ospite del programma VIP Talks è Leonardo Milani, mental trainer dei piloti Frecce Tricolori: “Se vuoi avere ciò che non hai mai avuto, fai ciò che non hai mai fatto”

“La leadership non ha un'unica soluzione e non si può ridurre a una teoria manageriale. È qualcosa di più profondo che si evidenzia da un insieme di caratteristiche e comportamenti che hanno le loro origini nella mente e nel cuore delle persone, nei loro valori”. Riprendendo questa citazione di Sergio Marchionne, lo stile di leadership non si impara soltanto sui libri di management.
 
Per essere in grado di anticipare i mutamenti del mercato e di guidare la propria squadra in una realtà in continua evoluzione, un leader deve affinare le proprie qualità con la comparazione, l’esempio e l’esperienza. Bip ha inaugurato così una serie di workshop per ispirare e guidare i professionisti di elevata seniority verso un processo di consapevolezza e sviluppo della managerialità.
 
Il percorso, che prevede un ciclo di interventi d’impatto sui temi della leadership e del complexity management, è stato chiamato VIP Talks – Very Inspiring People, perché coinvolge personaggi di mondi diversi da quello tipicamente aziendale, che rappresentino un esempio di leadership significativo in diversi contesti, dallo sport al cinema, dalla musica all’imprenditoria.
 
Il primo appuntamento ha ospitato Leonardo Milani, da oltre dieci anni mental trainer delle Frecce Tricolori. Durante l’incontro, focalizzato sui concetti di alte prestazioni, concentrazione e stress, Milani ha accompagnato i senior manager di Bip nel mondo del self-empowerment e della gestione della complessità.
 
“Equilibrio e serenità sono condizioni necessarie per prendere decisioni vincenti”, spiega Milani concludendo il suo speech nell’attico dell’Hotel Bianca Maria di Milano. Secondo il mental trainer delle Frecce Tricolori, infatti, “solo lavorando sulla propria personalità è possibile raggiungere il massimo della produttività minimizzando sforzi e stress”.
Other Inside Stories